Blog: http://taniapassa.ilcannocchiale.it

mi capita di sentire l'anima e sentirmi sola

Mi è capitato spesso di pensare poco a me
perchè il mio se' lo ritrovavo nelle scintille degli occhi altrui

Mi è capitato di sognare per il mio Paese diritti migliori
perchè i miei diritti tanto coincidono con quelli del Paese e senza io sono meno libera

Mi è capitato di struggermi per le ingiustizie
perchè è un'emozione incontrollabile che mi ha poi ripagato incontrando cuori puri

Mi è capitato spesso di dover spiegare, anche ora a te, quanto l'essenziale per me
sia avere gli altri dentro di me
perchè non si comprende più l'amore nel regno dei morti nell'anima

Mi capita ora di conoscere una vita senza linfa, la tua,
perchè quando un uomo muore non per forza il suo corpo si spegne , a volte s'incrina prima il suo senso delle cose. Si spegne prima la sua capacità di sentire il mondo, come un tronco vuoto in cui ci rifugiavamo da bimbi, senza sapere su quel tronco che senza linfa una vita è solo una cosa

Pubblicato il 23/6/2010 alle 0.17 nella rubrica Poesie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web